Traducendo Einsamkeit

STANZE DEL NORD

SCORRONO LE COSE CONTROVENTO di FEDERICA GALETTO

ODE FROM A NIGHTINGALE - ENGLISH POEMS

A LULLABYE ON MY SHOULDER di Federica Nightingale

EMILY DICKINSON

sabato 18 febbraio 2012

Carmen Foresta


Toshiyuki Enoki






Carmen Foresta ha la capacità di tenere il lettore sempre legato ai suoi versi; perchè le sue strofe, a volte anche brevi, hanno una profondità che attacca senza mai lasciare, una continuità di focalizzazione dell'attenzione di cui il lettore non può fare a meno. Ha un'idea della perfezione e del sacro che infonde in ogni visione interna ed esterna, raccontandosi man mano con puntigliosa dovizia. C'è sempre un elemento naturale che parla e si intromette nei suoi monologhi, anche quando teme quasi d'esser sentita urlare da una foglia, la luna o un ramo di more. La Natura è metafora, forza, costrutto e sussurro dei suoi vivi segni. Vedute nitide di reali panorami quotidiani si immergono, negli occhi che vedono bene le cose nascoste anche sotto la luce del sole. E il disgregarsi di ciò che ha quel destino, benedicendolo senza curiosità di domande inutili. Un'accettazione di stato, un evolvere umano e naturale che radicano nella vita. Bello il lessico, il fascino della sua personalissima semantica.

Federica Galetto






*
mi saresti selvatico, anche
distratto componendo il solito vento, l’onda
quasi fossi spicchio -o mappa

o corpo

a frastagliare i discorsi pesanti, come quelli che
trattengono le palme ai pungoli del letto, al passare dei giorni
eludendo la prima imperfezione, la coperta sghemba

una notte
aggiunta alla notte
che specula nel buio per appiccicarsi

urlo

*
urlo che disperde
le superfici piccole, senza la possibilità  di emettere
l’estensione di un ricordo -le varietà diverse
delle more

il poterti chiedere di aspettare assieme la neve
di essere il primo ad alternare i balli
perché non esca il sole

ché non resti solo
l’occhio impavido al sovrastare di un’idea
che senza sole si muore nel bicchiere
come mandorle

-amare

§

*
mi fissavi, nella stanza compressa
proiettata sulla piazzola
attraverso la luce della  finestra, così alterata
così prospettica da farsi
segno, tratteggiante
i quadri accesi
dai salti dei bambini

e noi, storti come detriti ad osservare
tutto quello spiccare

nuovo

*
addirittura nidi
capitolati in un soffocamento, detto altrimenti
amore
ad ogni giro una stretta, i lacci delle scarpe
i fiori alla Madonna, e prendersi per mano quando
il buio avanzava sbocciando a ciocche
la paura

*
e il tempo
a tacche, graffiava il gesso
fino a che l’impasto più friabile
diventava grigio, grigio tendente all’inferno
come la neve dei cigli
quando respira

piombo

*
si tracciavano segni a piè dei segni
aggrovigliate le orme sul corpo
quelle nudità di cenere
alle piante dei piedi
una secchezza simile al silenzio
fino all’esordio delle sue forme medesime
un aggirarsi di noncuranze
sempre più grevi

*
addirittura nodi
una caviglia stretta alla caviglia
capitolata in un soffocamento, detto  altrimenti
morte
con opacità  di occhi e di membrane
parti liquide a scendere tra i semplici sintomi
di una resurrezione


§







*
non raccontare, disse
non raccontare, guarda
e dimmi
solo quello che vedi



qui la nebbia è come cera
un angelo in rivolta
un’ala -la mia deformazione

calamita addormentata
sulle mosche di novembre

non una poesia
non un'ode gentile che mi affaccia
a ornarmi di fiammelle
ad ascoltare i santi
uniti come il soffio ai compleanni

resta il tempo di respirare il fondo
i graffi esatti, le notti
quando canta il gallo, prima

della neve

§

a dopo il nero.
col nero simpatizzo, coi baci altrettanto
baciami di nero con l'anima sullo sterrato
chiudo gli occhi per poco
tanto per sentire il freddo della tua prigione
confine infame, tempo nel tempo
azzurro sulle punte
solo profumo di campagna alta

§

*
c’è qualcosa di fortemente assente
un’angoscia senza comunioni
la pioggia, quasi un’ingerenza
a sostentare il sacrificio dei fiori
dove la piazza si fa dorso, vulcano
per un riverbero che esplode alla cintura.


*
piuttosto mi domando quale sia l’assenza
il seme primordiale
la polvere d’uomo che diventa donna
come cenere che elude la preghiera, la vita
così piccola di fronte al viaggio sommo
della disgregazione

benedirà domani?

il sole, quello vero, i ritrovamenti delle ossa
provvidenze
le falle di un tetto ché diventi sacro
le mani
che impasteranno il pane, come una beatitudine




Carmen Foresta




Il suo blog


http://incarnatomultiplo.blogspot.com/







2 commenti:

carmen ha detto...

Cara Federica, sono lieta che tu abbia apprezzato la mia scrittura. La tua introduzione è davvero un grande regalo. Che diventa per me, un entrare nei miei stessi versi con gli occhi di chi a questa arte, si dedica con grande cuore. Ciò che risulta lampante in questa tua stanza e in generale, in tutti gli interventi tuoi che ho occasione di leggere altrove. Eccomi allora, a lasciarti un ringraziamento commosso, per la scelta ampia dei testi, per la generosità e l'attenzione che hai prestato alla mia poesia. Ancor più per le parole, che contengono un grande stimolo da conservare. Le rileggerò spesso, soprattutto nelle fasi più difficili del mio percorso poetico.

Carmen

Federica Galetto (Nightingale) ha detto...

Cara Carmen, la tua Voce poetica è il vero stimolo qui. Continua con il tuo "vociare" splendido ed evocativo, piano piano superando le fasi difficili di cui accenni. Grazie a te per le tue parole, un regalo che tu fai a me in uno scambio equo e solidale : ). Un saluto caro
Federica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...