Traducendo Einsamkeit

STANZE DEL NORD

SCORRONO LE COSE CONTROVENTO di FEDERICA GALETTO

ODE FROM A NIGHTINGALE - ENGLISH POEMS

A LULLABYE ON MY SHOULDER di Federica Nightingale

EMILY DICKINSON

sabato 31 dicembre 2011

Buon Anno - Happy New Year 2012









La stanza di Nightingale vi augura un felice Anno Nuovo

La stanza di Nightingale wishes you a Happy New Year

venerdì 23 dicembre 2011

Buone Feste





 L'Albero di Natale


A sud del golfo di Finlandia
la notte vicino al mare brumoso
l'albero di Natale scintilla tra oscure torri gotiche
corazze di cavalieri teutoni e ciminiere di fabbriche
l'albero di Natale
l'albero di Natale canta sulla piazza bianca di neve
canzoni dell'Estonia
lunghissimo scintillante pagliuzzato d'oro
l'albero di Natale
tu sei nella palla di vetro rosso
i tuoi capelli son paglia gialla
le ciglia azzurre sono io
che l'ho appesa mettendotici dentro
il tuo collo bianco è lungo e rotondo
ti ho messa nella palla di vetro rosso
con i miei dubbi
con le mie ansietà
con le mie parole
le mie speranze
le mie carezze a tutti gli alberi di Natale
a tutti gli alberi
a tutti i balconi
le finestre
i chiodi
le nostalgie
ho appeso la palla di vetro rosso.


Nazim Hikmet














Con gli auguri di un sereno e gioioso Natale a voi tutti

sabato 17 dicembre 2011

VILLA DOMINICA BALBINOT - Febbre lessicale



Franz Von Stuck







Nel leggere Villa Dominica Balbinot si diventa coraggiosi. E’ bene non pensare affatto che sarà una passeggiata addentrarsi nella sua Poesia. Il solo semplice gesto dell’aprire il suo libro “Febbre lessicale” acquista un valore simbolico cruciale, diventa rito magico, trascendenza, potenza subliminale. I suoi versi sono come discese agli Inferi e trasudano di percorsi lunghi e soffocanti, di trasformazioni alchemiche susseguenti, incalzanti, mistiche. Il lessico è ricercato ma sempre indirizzato verso una precisa linea esplicativa del “Dominica-Pensiero” e della particolarissima percezione che la Balbinot ha del mondo e dei suoi abitanti. Del malessere del vivere raccoglie ogni sfumatura, lacerandola con precisione chirurgica e acuta sensibilità in un immaginario fatto di cupa terra e abisso, di morte incombente a cui nessuno può sfuggire. Manipola la lingua, la rende plasmabile sotto colpi di duro patire, la storce, la batte, la inchioda per poi amarla d’una dolcezza inquietante che striscia non vista, fra gli sterpi e le putrefazioni del rifiuto alla resa. Non c’è quindi resa all’inevitabile, al dolore, alla morte; avviene dunque che la lotta s’inasprisca rivelando l’irosa natura d’uno spirito indomabile, agguerrito, impavido. Alle brutture del vivere s’accosta una bellezza squarciata, dilaniata, rinnegata dalla crudezza del mondo, la morte s’accende di vivezza che brucia e trasfigura il reale che riluce di peccato. Credo che leggere Villa Dominica Balbinot sia un’esperienza. Nessuno come lei sa calarsi così in profondità, scavare nel fango, abbellire i propri giardini con lamenti, torture e sevizie tanto da renderli comprensibili ad una mente lucida e calma. Si scende poco a poco, si scende senza nessuna certezza, si va alla cieca come un animale che scava, la notte. Nessuno ci tiene la mano, questa Poesia ci lascia soli davanti al mistero, all’insondato, all’attesa. Una delle poetesse del nostro tempo che più amo. Per chi vuole trarre dalla Poesia un succo urticante ma benefico, seppur preso a piccole dosi per non soccombere nell’immediato, la conoscenza profonda del risvolto di una medaglia che pochi conoscono e affrontano, una visione “eretica” che fa la differenza. Non è Poesia per signorine, anche se bene educate e colte. Da non perdere, perché saprà come non farsi dimenticare. Una grande Voce.

Federica Galetto



“Nel dire – bianco – del silenzio
Ribatteva – lei- con lapidei
florilegi argomentali,
costretta alla bellezza gelida dell’alabastro,
tra le ossa biancheggianti fra i rovi
( e nell’attesa – vuota –
che la iconostasi si aprisse)


V.D. Balbinot da “ E nell’attesa – vuota -”














E NE SAREBBE STATA AFFETTA


Era l’odore della terra in fiore:

la sua splendente bellezza permaneva

le faceva amare cose inermi

Si sentiva tutta riarsa

- e con suo stesso orrore -

fino al midollo

di una sua magra esistenza selvatica.

Ogni cosa appariva troppo fredda,

troppo ampia – e desolata.

Ora si aspetta tutto dall’uomo

come una mattazione,

l’abisso oltre il giardino.

E ne sarebbe stata affetta,

da quei vivi – mutilati e imperfetti-

dai cumuli di piccole celle,

da una minima contaminazione dell’aria.

(era il lieve velo della polvere,

dei fiori che andavano essiccandosi…)




NELL’AZZURRA FIORITURA


Nell’azzurra fioritura del suo recesso

(meraviglia vi era stata

- all’inizio-,

dell’ immacolata bellezza)

i fiori erano ormai scuri per l’ombra della notte,

come alghe viola le ombre stesse.

Le parole dunque scritte

- attorno al conclave cadaverico_

erano fragili,

lei le trasformava in due ustioni

fin nel labirinto osseo, lì in fondo:

il nero dei cani neri,

e quello stretto laccio

( nemmeno la più piccola pulsione di sangue, vi era).




E DELLA CONSUNZIONE – SUA


Nel periodo primo della consunzione sua

( e per una qualche affezione del corpo:

i nervi delle mucose aride,

della tensione istologica

del moto linfatico

per ogni dove le scorie di sfaldamento)

contemplava lei la forma impudica dell’essere,

queste sottili ferite nella terra,

un secreto agitarsi

nel casto gelo del tutto

Tirata fuori

-dalle pozze di annegamento-

il bordo ha scorticato,

in un minuscolo punto,

-sotto la parte più dura del cranio-

ci sono, i rilassamenti:

e ora la stretta faccia verde del serpente fissa,

e il prospetto della sezione strasversale del cuore…

E in questa aspettazione

il dissezionatorio rito

le è concesso:

le sue preghiere non raggiungono neppure il limbo,

quei nomina lei li teme,

delle creature che la trafiggono.

( era così,

che doveva essere nata,

la gorgone)





E LE PAREVA DI NON AVERE MAI FISSATO


Era il paesaggio chiaro,

di una notte ghiacciata:

aspettava solo il sorgere del sole,

e quelle colline azzurre,

il cielo come un grande uccello…

E le pareva di non avere fissato

mai nulla così a lungo

- come quinte nella nebbia-

quei meccanismi dell’affezione

e l’armamentario della sventura

( non sei mai stata condannnata

per nessun crimine, vero?…)

i finimenti umani, tutti.

Non aveva mai capito la natura dei veleni,

le leggera punta di amaro delle tossine

e con quel bel fiore che cresce fin sotto la forca,

le mandragore e l’assa foetida

ben oltre la barriera ultima degli alberi azzurri…

Queste le annotazioni dell’anamnesi:

“Bisognerebbe scuoterti,

quel tuo corpo è teso a arco,

sangue vorrà altro sangue allora,

-e comincerà la agonia-”

Consacrata a un dio che non conosceva

con mani profane gli si adunghiò,

era in condizione di privazione,

doveva fare in modo che non fosse lei,

a stringere il laccio.

( Lui le disse solo,

che sembrava consumata)



Villa Dominica Balbinot


"Febbre lessicale" - http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=579343

Il suo blog: http://villadominicabalbinot.wordpress.com/











martedì 13 dicembre 2011

Leticia Austria - Una poesia in traduzione





Balthus







REUNION


Tonight, at least,
I see you -- in a candle’s light suffused
by ruby glass, the undulating arc
cocooning us while headlights pierce the streets.
The noisy years between remembering
and living flesh are silenced by the voice
I hear this moment, and I catch its words
like colored moths, to pin them in a frame
when daylight comes.

Tonight, at least,
you know me -- not the ink of written word,
the masquerader hiding in plain sight,
but sound and breath that waited out the page
for temporary incarnation. Yet,
what I intend to say is left unsaid,
gray fumes dispersing in the wavering light.
I only say the words that can survive
when daylight comes.













INCONTRO


Stasera, almeno,
ti vedo - nella luce di una candela soffusa
da un vetro rubino, l’arco ondeggiante
a proteggerci mentre i fari trafiggono le strade.
Gli anni rumorosi tra il ricordo
e la carne vivente sono zittiti dalla voce
che ora sento, e ne catturo le parole
come falene colorate, per appuntarle in una cornice
quando la luce del giorno viene.

Stasera, almeno,
mi conosci – non l’inchiostro d’una parola scritta,
la maschera che si nasconde in piena vista,
ma suono e fiato che attendevano fuori alla pagina
per provvisoria incarnazione. Finora,
ciò che ho inteso dire è lasciato non detto,
fumi grigi si disperdono nella luce vacillante.
Solo pronuncio le parole che possono sopravvivere

Quando la luce del giorno viene.



Leticia Austria

Traduzione di Federica Galetto


I blogs di Leticia Austria:




giovedì 8 dicembre 2011

LE ONDE - Tradurre Virginia Woolf






Now the sun had sunk. Sky and sea were indistinguishable. The waves breaking spread their white fans far out over the shore, sent white shadows into the recesses of sonorous caves and then rolled back sighing over the shingle.
The tree shook its branches and a scattering of leaves fell to the ground. There they settled with perfect composure on the precise spot where they would await dissolution. Black and grey were shot into the garden from the broken vessel that had once held red light. Dark shadows blackened the tunnels between the stalks. The thrush was silent and the worm sucked itself back into its narrow hole. Now and again a whitened and hollow straw was blown from an old nest and fell into the dark grasses among the rotten apples. The light had faded from the tool-house wall and the adder's skin hung from the nail empty. All the colours in the room had overflown their banks. The precise brush stroke was swollen and lop-sided; cupboards and chairs melted their brown masses into one huge obscurity. The height from floor to ceiling was hung with vast curtains of shaking darkness. The looking-glass was pale as the mouth of a cave shadowed by hanging creepers.
The substance had gone from the solidity of the hills. Travelling lights drove a plumy wedge among unseen and sunken roads, but no lights opened among the folded wings of the hills, and there was no sound save the cry of a bird seeking some lonelier tree. At the cliff's edge there was an equal murmur of air that had been brushed through forests, of water that had been cooled in a thousand glassy hollows of mid-ocean.
As if there were waves of darkness in the air, darkness moved on, covering houses, hills, trees, as waves of water wash round the sides of some sunken ship. Darkness washed down streets, eddying round single figures, engulfing them; blotting out couples clasped under the showery darkness of elm trees in full summer foliage. Darkness rolled its waves along grassy rides and over the wrinkled skin of the turf, enveloping the solitary thorn tree and the empty snail shells at its foot. Mounting higher, darkness blew along the bare upland slopes, and met the fretted and abraded pinnacles of the mountain where the snow lodges for ever on the hard rock even when the valleys are full of running streams and yellow vine leaves, and girls, sitting on verandahs, look up at the snow, shading their faces with their fans. Them, too, darkness covered.




"Le Onde" (The Waves) eseguita da Ludovico Einaudi al Nightbook Solo Concert a Dublin nell' Ottobre 2009.




Ora il sole era tramontato. Cielo e mare erano indistinguibili. Le onde frangendosi allargavano i loro bianchi ventagli sulla riva, inviavano pallide ombre nei recessi delle grotte sonore e poi si ritiravano sospirando sui ciottoli. L’albero scosse i suoi rami e una pioggia sparsa di foglie cadde al suolo. Là si depositarono in perfetta compostezza nel punto preciso dove avrebbero atteso di dissolversi. Nere e grigie erano sfrecciate nel giardino dal recipiente rotto che un tempo aveva trattenuto la luce rossa. Oscure ombre annerivano le gallerie fra gli steli. Il tordo era silenzioso e il verme risucchiava se stesso nel suo buco angusto. Di tanto in tanto una pagliuzza sbiancata e cava veniva sospinta da un vecchio nido per poi ricadere nell’erba nera fra le mele marce. Svanita la luce sul muro del capanno degli attrezzi, la pelle della vipera pendeva vuota dal chiodo. Tutti i colori nella stanza erano straripati. Il preciso colpo di pennello era gonfio e debordante; credenze e sedie scioglievano le loro masse brune in un’ unica enorme oscurità. L’altezza dal pavimento al soffitto era tappezzata da vaste tende d’oscurità oscillante. Lo specchio era pallido come la bocca di una caverna adombrata da rampicanti penduli. La sostanza se n’era andata dalla solidità delle colline. Luci vaganti inserivano un soffice cuneo tra le vie affondate e invisibili, ma nessuna luce si apriva fra le ali ripiegate delle colline, e non vi era alcun suono salvo il grido di un uccello in cerca d’un albero solitario. Sul bordo della scogliera c’era un eguale mormorio d’aria spazzata attraverso i boschi, di acqua che s’era rinfrescata in mille avvallamenti vitrei nel mezzo dell’oceano. Come ci fossero onde di buio nell’aria, l’oscurità si muoveva, coprendo case, colline, alberi, come onde nello sciabordio sciacquano i fianchi di qualche nave affondata. La tenebra inondava le strade, muovendosi vorticosamente intorno alle singole figure, inghiottendole; cancellando coppie abbracciate sotto la cascata d’oscurità degli olmi nel pieno del fogliame estivo. Il buio faceva rotolare le sue onde lungo percorsi erbosi e sulla pelle grinzita dei campi di corse, avviluppando il biancospino solitario e i vuoti gusci di chiocciola ai suoi piedi.
Salendo più in alto, l’oscurità si spingeva lungo i nudi pendii montuosi, incontrava i pinnacoli frastagliati e abrasi della montagna dove la neve alberga eterna sulla dura roccia, persino quando le valli sono colme di ruscelli in corsa e gialle foglie di vite, e le ragazze, sedute sulle verande, lo sguardo alzato verso la neve, i loro volti ombreggiati dai ventagli. Anche loro, copriva la tenebra.


Brano tratto da "Le onde" di Virginia Woolf (1931)

Traduzione di Federica Galetto

lunedì 28 novembre 2011

Poesia in traduzione - Olafur Arnalds








"Memories. Memories blur into dreams. Light brings them to truth. Everything unforgiving. Everything becoming hallow. Loneliness consumes and there is no way back. The places you played, the places you called home, the people you thought you loved, all of them. Reduced to a memory of another life. A life you never lived. All the yesterdays that came from tomorrow, all the tomorrows that never came from yesterday. A new beginning because forever is never forever"


"Ricordi. I ricordi sfumano nei sogni. La luce li porta alla verità. Ogni cosa è inesorabile. Ogni cosa diventa santa. La solitudine consuma e non c'è via di ritorno. I luoghi in cui giocavi, i luoghi che chiamavi casa, le persone che pensavi d'amare, tutti loro. Ridotti ad un ricordo di un'altra vita. Una vita che non hai mai vissuto. Tutti gli ieri che venivano dal domani, tutti i domani che mai vennero dallo ieri. Un nuovo inizio perchè per sempre non è mai per sempre"


Olafur Arnalds

Traduzione di Federica Galetto

giovedì 24 novembre 2011

SARA TEASDALE - Poesia in Traduzione






CHANGE

di Sara Teasdale



Remember me as I was then;

Turn from me now, but always see

The laughing shadowy girl who stood

At midnight by the flowering tree,

With eyes that love had made as bright

As the trembling stars of the summer night.

Turn from me now, but always hear

The muted laughter in the dew

Of that one year of youth we had,

The only youth we ever knew --

Turn from me now, or you will see

What other years have done to me.




CAMBIAMENTO


Ricordami dunque com’ero;

Voltati da me ora, ma sempre vedi

La ragazza sorridente e ombrosa che stava

A mezzanotte presso l’albero in fiore,

con gli occhi che l’amore aveva reso luminosi

come le stelle tremanti della notte estiva.

Voltati da me ora, ma sempre ascolta

La tenue risata nella rugiada

Di quell’anno di giovinezza che avemmo,

l’unica giovinezza da noi mai conosciuta –

Voltati da me ora, o vedrai

Ciò che gli altri anni m' hanno fatto


Traduzione di Federica Galetto



Biografia:

Sara Teasdale (1884 -1933)

Scrittrice americana di St. Louis, scrisse molte raccolte di poesie e nel 1918 vinse il Premio Pulitzer. Morì suicida nel 1933. Nel 2010, le opere di Sara Teasdale vengono pubblicate in Italia per la prima volta, "Gli amorosi incanti", con la traduzione di Silvio Raffo per i tipi di Crocetti Editore ("Nei suoi versi eleganti e struggenti, offerti qui al lettore italiano nella sapiente versione di Silvio Raffo, s'impone con irruenza l'eterno tema dell'amore, distillato e dosato con incantevole sprezzatura, in perfetto equilibrio tra passione e ironia" - dalla scheda di lettura di Crocetti Editore)

lunedì 14 novembre 2011

REINER MARIA RILKE - La Pantera - Poesia in traduzione


Fonte immagine: topipittori.blogspot.com




Rainer Maria Rilke

Der Panther

Im Jardin des Plantes, Paris



Sein Blick ist vom Vorübergehn der Stäbe

so müd geworden, daß er nichts mehr hält.

Ihm ist, als ob es tausend Stäbe gäbe

und hinter tausend Stäben keine Welt.

Der weiche Gang geschmeidig starker Schritte,

der sich im allerkleinsten Kreise dreht,

ist wie ein Tanz von Kraft um eine Mitte,

in der betäubt ein großer Wille steht.

Nur manchmal schiebt der Vorhang der Pupille

sich lautlos auf -. Dann geht ein Bild hinein,

geht durch der Glieder angespannte Stille -

und hört im Herzen auf zu sein.



La pantera

Per il va e vieni, tanto stanco è divenuto il suo sguardo

che nulla più trattiene

E’ come ci fossero mille sbarre

E dietro mille sbarre nessun mondo

Nel molle andare più flessuoso il passo

Che nel minor cerchio ruota,

è come danza di forza attorno a un centro,

ove stordita una gran volontà rimane

solo talvolta silenzioso il velo della

pupilla si solleva – poi penetra un’immagine

attraverso il silenzio teso delle membra -

E nel cuore si smorza


Traduzione di Federica Galetto


giovedì 10 novembre 2011

GRACE ANDREACCHI - Poesia in Traduzione






Jan Van Eyck




IN THE GOLDEN CHAMBER OF ST. URSULA


Bones spiral outward

drenched in gold

small and thin, chicken or child
Golden chrysalis of pain

a stillness unbroken

by waves of thunder
That last night of Mary’s month

the sky dripped fire

and eleven thousand
Stars burned in the wayward streets

men phosphorescent

turned to little lumps of clay
In our hour of need, O Princess

did you spread wide

your ermine cloak?











NELLA CAMERA DORATA DI S. URSULA

Ossa a spirale che appaiono
fradice d’oro

piccole e sottili, di pollo o bambino
Dorata crisalide di dolore

un’immobilità ininterrotta
da onde di tuono

Quell’ultima notte del mese di Maria
il cielo gocciolava fuoco

e una squadra di cento
stelle bruciava nelle strade ribelli

uomini fosforescenti
mutavano in piccoli blocchi d’argilla

Nell’ora del nostro bisogno, O Principessa

Hai allargato il tuo ampio mantello
d’ermellino?




ASSUMPTION


A sudden whoosh!

of blue air under you

Earth dives away

Angels around you flying

Don't look down!

You're falling up

into the light

And a minute ago you lay dying

Heaven opens like a rose

to swallow you

Our last best hope

is to follow you

Into the sound of white wings sighing

How far is up

If you cannot see the ground?




ASSUNZIONE


Un fruscio improvviso!
D’aria blu sotto di te

La terra sommersa
Gli angeli ti volano intorno

Non guardare giù!

Stai cadendo
dentro la luce

e un minuto fa eri morente

Il paradiso si apre come una rosa
ad ingoiarti

La nostra ultima migliore speranza
è seguirti

nel suono di sospiranti ali bianche

Quanto lontano è quassù
Se non riesci a vedere il suolo?





TONIGHT

Tonight I give you twelve glass boxes

evenly spaced and lit from inside

you may name each one as you will

apostle or child
Tonight I give you a castle by a lake

and its blue, shattered double

I give you a stone sky

perfectly wrought in white
Tonight I give you the whole of this wide black river

and the moon not quite full

I give you the white domed church

innocent of tourists
I give you Monsieur Paul’s soft-lipped maidens

to comb with languorous brown fingers your hair

and knead your thighs with their feet

I give you the news about royalty

and all the best recipes

for eternal happiness

as read on the tube
I give you night kisses cold cheeks

pressed to yours

my heart




STANOTTE

Stanotte ti do dodici scatole di vetro
regolarmente disposte e illuminate all’interno

ognuna la puoi chiamare come vuoi
apostolo o bambino

Stanotte ti do un castello in riva al lago
e il suo doppio, blu e in frantumi

Ti do un cielo di pietra
finemente lavorato di bianco

Stanotte ti do tutto questo vasto fiume scuro
e la luna non ancora piena

Ti do la chiesa dalla cupola bianca
innocente di turisti

Ti do le fanciulle dalle labbra morbide di Monsieur Paul
per pettinare con languorose dita dorate i tuoi capelli
e massaggiare le tue cosce con i piedi

Ti do notizie sulla famiglia Reale
e tutte le migliori ricette
per l’eterna felicità
come si legge in metropolitana

Ti do baci notturni e fredde guance
premute alle tue

il mio cuore




TO CHRIST, THE BRIDEGROOM


They say I’m the bride but

You and I know, O best Beloved,

we know better.

The bride? This silly child
net curtain over her head

hands clasped in semblance of prayer

beaming bright-eyed laughing coquette

Who’s fooled?
But love’s all in earnest

All to thee, my heart.

O you, who loved little ones
Suffer this, your child-bride

to come, creeping softly

into your arms this night.





A CRISTO, LO SPOSO

Dicono che io sono la sposa ma
Tu ed io lo sappiamo, O mio Adorato,
lo sappiamo ancor di più

La sposa? Questa sciocca bambina
che gioca
con la tendina della finestra sul capo

le mani strette in una parvenza di preghiera
splendendo di civettuoli occhi radiosi e ridenti

Chi ha imbrogliato?

Ma l’amore è tutto in verità
Tutto per te, cuore mio

O tu, che hai amato i piccoli
Permetti questo, che la tua sposa-bambina
giunga, avanzando lievemente

questa notte fra le tue braccia




Grace Andreacchi

Traduzione di Federica Galetto







Grace Andreacchi scrive Poesia, Narrativa, Sceneggiature per il Teatro ("Non necessariamente in quest'ordine" precisa lei). La sua Poesia, ricca di riferimenti al Sacro, ha una musicalità gradevolmente retrò ma ancorata dai contenuti ad una contemporaneità disarmante,sottile,profonda. Si occupa di editoria e dirige la casa editrice no-profit Andromache Books. Nata e cresciuta a New York, ha vissuto a Parigi e Berlino ma vive attualmente a Londra.

I suoi siti:


https://sites.google.com/site/andromachebooks/



giovedì 3 novembre 2011

CARLA BENECCHI - Trascolorando



Charles Allan Winter





Non posso negare (e non lo farò) che quando ho letto la Poesia di Carla Benecchi mi si sono allertati tutti i sensi, il cuore mi batteva lievemente accelerato e mi sudavano anche un poco le mani. Sintomi, questi, che mi confermavano secondo dopo secondo di quanto i versi lievissimi della Benecchi avessero iniziato il loro volo, dritti dritti al centro del mio petto. Brevi componimenti, tenuti insieme con lessico (e)legante e raffinato, contenuti di colore rosso, tinti d’eros conclamato eppur (s)velato ad arte:

Avrei voluto pioverti addosso/ ancora penetrarti i vestiti/ le narici/la bocca/ renderti umida la pelle/ infangarti di me ad ogni passo

Avrei voluto/ma aspetto che spiova/ e poi ti corro incontro/ a carponi/ guaisco/ ansimo/ mugolo acquattata/a riscattar carezze/ a leccarti la mano…

Seducente il linguaggio forbito e pregno d’ una terminologia ormai caduta in disuso e in Poesia e altrove, purtroppo. E rifletto sul fatto che l’evoluzione della lingua non ha avuto una vera evoluzione, se per evoluzione si intende un valore aggiunto, un plusvalore che raggiunga sia l’etimologia che la bellezza, l’armonia dei suoni. Leggo molto, per lavoro e per diletto, ma di Poesia che contenga tanta lieve, dolce leggerezza, luminosità e fascino, ne trovo ormai davvero pochissima se non fra i miei libri, nei miei scaffali, dove conservo i miei testi prediletti. La Poesia di Carla Benecchi passa come un’ala, un battito, un soffio di luce e lascia segni impressi a fuoco nel cuore; l’amore non è che delirio e passione bruciante, un solo, unico corridoio da imboccare carponi per trafiggersi di sublime o di vergogna. E si ha la sensazione che l'Amore venga prima della vita stessa. Tutto senza una sbavatura, tutto con la grazia d’una nube che solca il cielo. Se sia il cielo nostro o quello di altri non sono certa, ma una cosa so: la Poesia, quando passa così vicina e ti tocca, raggiunge non solo le vette dell’animo umano ma anche e soprattutto quelle che dividono dal gesto sacro dell’invisibile e dai possibili mutamenti del corso degli eventi. Premonizione estatica la definirei. Carla Benecchi canta il Gesto, del corpo e dei sensi, in una danza muliebre di sconfinata Bellezza.

Federica Galetto






“ TRASCOLORANDO ”






Le poéme – cette hesitation prolongée
entre le son e le sens…
Valery







Una fiammata di gioia
i tuoi giorni
quando correvi dove
lei, l’anima tua voleva,
amata come amata non sarà nessuna

Catullo








PRENDIMI L’ANIMA


Prendimi l’anima
se ad altro essere non palpita
se il brullo dell’inverno
vi specchia il suo rigore
e a tremiti ventosi
Ali – essa - più non ha
alzavola ferita nel vano suo involarsi
da palude
o sciara d’ombrato magma
in luccichio di bragie
spente








dove colpisce il sole
e la mia impronta batte …
C. Yanez





IO

Io
Acqua trascorsa
e ancora scorrente
a frangere
l’orlante velatura della mia viandanza
a fluire e rifluire
Qui e Là
in silente vaghezza fra serti di colore
Io
statica e inquieta
a graffiare di me argini muschiati
Io
Impura
alla mano che vortica nella gora
senza lasciare scia
Io
diafana e umbratile
per ogni dove
Io
Erratica sempre








ti avanzo. Ti avanzo incontro.
Prendimi. Prendi me.
M. Gualtieri





MIMESI


Foglia
sarei nell’irta ascesa
di un’edera stillante
Tremula
al palmo tuo schiuso
o linfa novella d’innevato gattico
Sai …
di quel bioccolo che al cenno raccolto
di una mano
il suo flavo spolvero
scioglie
come polline lieve








Guarda le mie rive di giacinti!
Lascerò la mia bocca fra le tue gambe
la mia anima in fotografie e gigli
G. Lorca







NEL QUI E ORA


Arcana
la dimora del sesso
ha confini vaporanti
di bruma
se una luce repente vi chiarisce

Se un refolo smuove
dal cerchio labiale
l’oscuro grembo
dov’è umida fragranza di bimba

se uno stelo s’irida
sulla dischiusa gemma
ad innevare
l’implume sua candidità








la pace è una seta oscura
dopo l’amore…
A. Istarù




ASSOLO

Restassi nel tuo riposo
per poco restassi ancora
Io
in quella balza
che l’aurora precede versando
fiocchi residui di notte

Non sai di come
di quel fremito inteso nel buio
Io possa fruire
ma lasciami il varco al tuo sonno
l’estrema soglia, l’attesa breve
a vibrare nel tocco del poco

Lasciami l’attimo che anticipa il risveglio
non il Dopo
già segno di ricordo








ti branco, ti trascino, ti tasto al buio
ardente oscurità …
R. Alberti












A FIORE D’OMBRA

Non è detto
che tu sia quiete
nell’arco flesso dei portali
la notte

Distici intensi
traduce il tuo corpo
nel cerchio d’0mbra reciso di luce

Su steli di giada
seleniche stille di te
Io delibo
in tregua di farfalla

A basso volo
su pelle corallo
Tu in posa
a pattinare le righe delle mie ali
intatte…








Prendimi, fai pure le arcate
destinate all’incontro, cerchiami
scioglimi di cinghiate e lamine,
vuotami vuotami
M. Gualtieri




RESTAMI


Tu
come petalo svolato
ancora, ancora restami…

Restami così
a delicate urgenze di piacere
sul frale palpito
di un seno

Infusa del tuo tocco
breve sentirò
quella tua mano di vento stentare
in un cupo ardire
i labili segni
di un prossimo sfarsi
già
a brezzate ombre







torna, prendimi spesso amato spasimo,
torna quando del corpo la memoria si ralluma,
torna più volte,
tutta la carne nel ricordo tendimi
C. Kavafis





AVREI VOLUTO

Avrei voluto pioverti addosso
ancora penetrarti i vestiti,
le narici,la bocca
renderti umida la pelle
infangarti di me ad ogni passo
che ti porta lontano

Avrei voluto
ma aspetto che spiova
e poi ti corro incontro
a carponi
guaisco
ansimo
mugolo acquattata
a riscattar carezze
a leccarti la mano…

Sdraiata
in un solco dell’asfalto
la pozza
dove umetterò la lingua
avrà la forma
del tuo corpo di uomo
che mi sei






Chiara di luna
di luce allaga
bianca ninfea di stagno
Quieta…
al vento che l’attende





Carla Benecchi

giovedì 27 ottobre 2011

venerdì 21 ottobre 2011

Mary Blair

Mary Blair (21/10/1911 – 26/07/1978), nata Mary Robinson, è stata una grande artista americana oggi ricordata sopratutto per il suo lavoro con la Walt Disney Company. Blair ha prodotto molti straordinari concept art tra i quali “Alice nel paese delle meraviglie”, “Peter Pan” , “Cenerentola” , “I tre Caballeros” e “Saludos Amigos”. Ha anche collaborato per il character design di un’attrazione interna al parco Disney (It’s a Small World), come alla realizzazione di un’enorme mosaico all’interno del Disney Contemporary Resort. Successivamente ha realizzato centinaia di illustrazioni per pubblicità e libri per bambini, come ad esempio il famoso “I Can Fly” di Ruth Krauss. Blair è stata poi insignita del titolo di “Disney Legend” nel 1991, una delle prime donne a ricevere questo onore.

Il suo stile e il suo eccezionale senso del colore, precursore e innovativo negli anni 50′ è attualissimo ancora oggi. Oggi ricorre il 100°anniversario della sua nascita.

























giovedì 20 ottobre 2011

"Acqualuna" di Ada Crippa

“Acqualuna” è la nuova raccolta poetica di Ada Crippa per i tipi di Onirica Edizioni. Una raccolta che sin dal primo sguardo appare lieve ed altalenante, sospesa fra le mezze tinte del cielo e del mare. Nei versi brevi e mai prevaricanti, il lettore si immerge in una dimensione di sogno palpabile, fatta di polvere di luna e spuma del mare. L’io poetico acquista man mano una forza che trascende le parole portando per gradi a comprendere senza sforzo alcuno l’ integrazione dell’uomo con le forze naturali, forze da cui trae la propria dimensione onirica e reale, laddove l’interscambio fra parola e immagine diventa una collezione di minuscoli quadri ad olio che rappresentano il paesaggio umano. Esistono in queste poesie molte sfumature di colore che vanno dall’azzurro tenue al nero della notte o delle insidiose acque lacustri, in un percorso ricco di riferimenti alle domande dell’esistenza (Dove vado se il luogo/a cui tendevo già mi ospita?/sostare/bagnarsi i piedi nell’acqua del lago/ e le mani/il viso/guardare poi il sole/e la luna ad occhi chiusi), ed ecco che dalle questioni più profonde dell’essere riemerge da profondità (in)sondate una speranza mitigata dai desideri costruiti giorno per giorno, fuori e dentro dimore mentali o reali (Da dimora in dimora/vado cercando pareti affrescate/da tenui colori magari fontane[…]) che contengono e trattengono antichi segreti per poter vivere un’esistenza meno lontana dall’Amore che nasce dal liquido originario che tutto contiene, una sorta di culla amniotica da cui tutti si proviene e alla quale vorremmo ritornare, in perfetta armonia (quelle stanze azzurre/come l’acqua e il cielo/da cui siamo venuti). Dell’amore, spesso imperfetto, recante dolore, Ada Crippa dipinge simbolicamente i contorni, ne lascia intravedere le tracce sulla sabbia di una spiaggia sconosciuta e non cercata per poi abbandonarsi al monologo di se stessa travolta dai ciottoli marini portati dall’onda che travolge e schiuma. C’è disincanto e magia nel tentativo di osservare la mitezza dello scorrere dei giorni, uno scorrere ineluttabile eppur prezioso per la conoscenza delle proprie radici. Il mondo rappresentato spesso come otre di squame e acque non sempre limpide, asseconda la necessità di impartire lezioni senza rigore, adagiando con grazia ogni dubbio o timore fra cielo e terra e acqua e sole. La luna, compagna indimenticabile del mare, assorta si chiede e domanda, trafuga significati ammutoliti dal sogno più intenso e ne fa oro. Non c’è tregua nel rincorrersi di immagini fatate e di delicato sentire in questa raccolta, ogni tessera è parte di un mosaico perfetto e speciale in cui ognuno può rivedere se stesso come specchio di umana sembianza. Da leggere e rileggere per confortarsi e confortare, da regalare a chi ama pensare senza peso ma solo in leggera bellezza, questo libro è un meraviglioso tocco di gioia che nasce dalle onde e fino alla luna risale, per guardare meglio da lassù, dove ogni nuova speranza vive.

Federica Galetto



Tuttazzurro


Una finestra di cielo
raccolgo dalla mia stanza tuttazzurro
funi di luce m’apposta alle pupille attese
l’infinito è aperto la gravità contraria del peso




Invito

Vieni vieni che mi piace
la casa a cui mi conduci
sogno non più sogno
quelle stanze azzurre
come l'acqua e il cielo
da cui siamo venuti.




End

Saliva la strada sulla collina
e noi a mani unite
verso la luna
fu quando la toccammo
che i ruscelli seppero
della polvere dei sogni
nelle loro acque.




Ritrovarsi

Acqua, sabbia e suono d'onde
ai piedi il passo
in danza muovono.
Scissa materia in armonia
nel ritrovarsi sulla riva.



Ada Crippa






Ada Crippa è nata ad Agrate Brianza dove vive. Scrive poesie dall’età di otto anni. Proviene dal mondo operaio e dalla militanza politico-sindacale. Attualmente è coordinatrice del GLA (Gruppo Letterario Agratese) con il quale organizza eventi culturali, letture pubbliche e performance. Gestisce un sito di scrittura.

Sue pubblicazioni:
“Antimenti”- antologia a tre voci (1989)
“Vele” - LietoColle (2007)
“Libero Suono” - plaquette PulcinoElefante (2004)
“Albero” – plaquette PulcinoElefante (2005)

È presente in diverse antologie tra le quali: “Ti Bacio in bocca” – “Stagioni”- “Luce e notte” - “Milano verso Roma”- “Corale per opera prima”, Lietocolle; “Subdoli Voli” – Pragmata Edizioni; “Poeti Lombardi” G.Perrone Editore; “Donne si raccontano” - “Antologia otto marzo” – EditSantoro.
Ha ottenuto segnalazioni e premi in diversi concorsi letterari.



"Acqualuna" - Onirica Edizioni -Silloge di componimenti brevi vincitrice del concorso "Le chicche di grano" 2010
978-88-96797-24-2
Euro 6

domenica 16 ottobre 2011

Giorni di pioggia e un cappello rosso
















photo 1. Martin Munkacsi - 1934
photo 2. Vogue Italia - "Storm", Paolo Roversi
photo 3. Vogue Italia - "Storm", Paolo Roversi
photo 4. Vogue Italia - "Storm", Paolo Roversi
photo 5. Norman Parkins - 1959






Le ampolle che non ho riempito
I muri che non ho scalato
I vetri ad asciugare dopo piogge d’avanzo
Mi s’impone di regolare il passo tacendo
come se il comodino e i libri e gli occhiali
potessero parlarsi e raccontare la morte
Ma poi si introduce una luce dal mattino
Raggrumando le ombre s’apre sui discorsi smarriti
S’innalza nella mente un quadro o un colore
E parla con la lingua degli uccelli e dell’aria
Come un favolare distinto che strema e conforta
Così, senza rami m’arrampico ai ciliegi
Ai tronchi di quercia m’appoggio
Senza timore



Federica Galetto da "L'economia del silenzio"














La bellezza delle cose


Non hai mai sentito dire
che la bellezza delle cose ama
nascondersi
ed è forte quello che ho dentro
distante dalla mediocrità
ho rischiato di perdere tutto per non subirla

Non hai mai sentito dire
che la bellezza delle cose ama
sorprenderti
ed è forte quello che ho dentro
distante dalla mediocrità
ho bendato i miei occhi da tempo per non vederla

ed avrei voluto trovarmi tra le tue parole più belle
raccogliere un brivido dai tuoi sguardi
ed avrei voluto trovarmi tra le tue risposte distratte

Abbiamo vagato a lungo in quei discorsi preziosi e contorti
senza concludere
ed è forte quello che ho dentro
distante dalla mediocrità
ho inseguito il rumore assordante per non sentirla

ed avrei voluto trovarmi tra le tue parole più belle
raccogliere un brivido dai tuoi sguardi
ed avrei voluto trovarmi tra le tue risposte distratte

non hai mai sentito dire
che la bellezza delle cose ama nascondersi


Carmen Consoli

domenica 9 ottobre 2011

POETI AL GARRAFFELLO

POETI AL GARRAFFELLO, LA BELLEZZA E LA ROVINA
BACKSTAGE
PALERMO, 30 SETTEMBRE 2011



L'amico e poeta Sebastiano Adernò mi scrive :

"Ci tengo molto a trasmettere l'eccezionalità del luogo dove si tiene questo reading di Poesia.

Spero che questo video di backstage permetta di cogliere la precarietà, le difficoltà e il magnifico contrasto tra la Rovina e la Bellezza".






giovedì 6 ottobre 2011

Tomas Tranströmer Premio Nobel per la Letteratura 2011













Tomas Tranströmer si è aggiudicato il Premio Nobel per la letteratura 2011. Ecco una sua poesia – Pagina di un libro notturno – pubblicata da Crocetti Editore.





Pagina di un libro notturno


Sbarcai una notte di maggio
in un gelido chiaro di luna
dove erba e fiori erano grigi
ma il profumo verde.

Salii piano un pendìo
nella daltonica notte
mentre pietre bianche
segnalavano alla luna.

Uno spazio di tempo
lungo qualche minuto
largo cinquantotto anni.

E dietro di me
oltre le plumbee acque luccicanti
c’era l’altra costa
e i dominatori.

Uomini con futuro
invece di volti.


Tomas Tranströmer

sabato 1 ottobre 2011

D'un barlume il disincanto - Videopoesia di Federica Galetto









D’UN BARLUME IL DISINCANTO


Balzando d’un barlume il disincanto
Dei corpi molli
Allo stato d’ebbra rota
Che gira
Scaltra nel senso

Mirabile è un istante
diretto come fionda
Nell’imbriglio che cinghia
Altrove non stringe.

Se mai avessi Tempo
per credere
che la carne provata
è la mia

Stretta
al riverbero scialbo
di questo sogno stanco.


Federica Galetto

venerdì 23 settembre 2011

A spasso con Proust








Era abbastanza costante
L’andare e venire del ritmo
Costretto nell’immobile rigidità
del presente

[ un’ora non è soltanto un’ora,
è un vaso colmo di profumi,
di suoni, di propositi e di climi]

Secca vena rimarginata di fresco
I passi deserti delle cose e delle idee
alle tempie battevano
Così avveniva nel dimostrarsi meno duro al sentire
che l’amo d’una rimembranza sfiorisse dopo il profumo

(Un tovagliolo inamidato che)

[aveva precisamente la stessa inamidata rigidezza dell’asciugamano
con il quale aveva tanto stentato ad asciugarsi davanti alla finestra,
il giorno del mio arrivo a Balbec]

Rendeva possibile un corso di mite significanza
E gioie insperate all’aprirsi d’un suono
Davanti nulla spiegava l’evento
Si svolgeva contratto e poi assolto dal buio
Nella mente uno spiraglio di luce sognava
tornando alle posate e ai piatti tintinnanti
Rumori decisi a intrufolarsi fra silenzi
senza ricordi

[il passato è nascosto al di fuori del suo dominio e della sua portata,
in qualche oggetto materiale che noi non sospettiamo]

La bellezza di esser stati e di aver toccato e posseduto
L’ematoma sciolto del tempo ora sui selciati
Le paure dei giochi e una bambola rotta
Un melo fiorito nella campagna distratta
Batte forte il lampo contro vetri appannati
Si raggiunge la cosa nella sua concretezza
Dimenticata non più
Adesso che balla il minuscolo lembo di stoffa
alla gonna di mia madre

[Dipende dal caso che noi incontriamo questo oggetto
prima di morire
oppure non lo incontriamo]


Federica Galetto
(pubblicata su La Recherche)

domenica 18 settembre 2011

MAGNITUDO - Videopoesia di Federica Galetto






Magnitudo


E’ il bisogno, d’individuare l’inganno
Del bordo della brocca
sbucciato
rimpolpare la materia
Rigirare
i catini di zinco e lucidarli
come le messi in giugno
lasciarli ondeggiare
per vedere
quante spighe e barlumi
s’innescano
in esplosioni d’atomi intatti
E’ la spanna che trascende l’intelletto
a interagire con fiati di cesello
sui sentieri
palesati dopo un temporale
dalle nubi stratiformi
e prensili
del colmo di tuono a imbuto
riciclato nel vento
in turbinii di magnitudo altissima
così come si spezza il collo un passero
nel rincorrere un ramo
Trascendere le passatoie invisibili
inavvicinabili
dei destini e delle tratte
impervie al tatto e alla vista
Credere che le primavere sbocceranno
negli oceani portando fiori
e alghe di profumi nuovi
sull’onda del deserto
Prendere un piccolo stelo
depositato al margine
ricostruirlo preciso
in decadenza annullarsi
per non scalfirlo
Perché se scivolare si deve
sul gambo robusto di sforzo
appoggiarsi senza traumi
Perché mi si impasta la lingua
di suoni cattivi
come semi di reseda e arsenico nero
a credere alle pareti di fuliggine nel vestibolo
che screpolate parlano ancora
e ancora
e ancora

Magnitudo



Federica Galetto

domenica 11 settembre 2011

MARIA GRAZIA LENISA





Digital Collage di Federica Nightingale





Benritrovati. Riapro La Stanza dopo i mesi estivi presentando queste poesie di Maria Grazia Lenisa. Leggerle e soffermarsi su questi testi è già un commento al lavoro di questa donna che ci ha lasciato molteplici opere di grande valore. Sono versi di delicata bellezza e profonda intensità legate a temi diversi che rispondono a domande e sollecitazioni comuni all'Uomo; del Tempo che scorre inesorabile, dell'Amore e della Morte, uno sguardo emozionato dedicato alla Vergine Maria che racchiude una disarmante infinita dolcezza. Poesie dense e alte che corrono in sintonia con le stagioni della vita attraversandone luci ed ombre in un percorso circolare in cui riconoscersi.

Federica Galetto




Da “Il tempo muore con noi”

Udine, 13 febbraio 1955

IL TEMPO MUORE CON NOI


Sogno l’ebrezza di un vivere senza tempo:


l’anno che s’aggiunge all’anno

mi rende intensamente vecchia,

d’una vecchiezza che non ha rughe,

liscia come buccia di mela

ma l’anima, invisibile,

porta invisibili solchi.

Gli anni… Nessuno s’accorge che passano,

quando il sangue si carica di brividi,

se uno sguardo attraversa la carne innocente.

Poi un bacio vi lascia il segno

E l’ora acquista un tacito sapore angoscioso.

Il tempo che nell’infanzia muoveva

Lento come morbida onda di lago

S’incarna nell’uomo e corre col ritmo veloce

Del sangue, - e lo sentiamo per ogni vena.


Sì, il tempo muore con noi.





Da “L’ilarità di Apollo” (1979)


UN POSTO PER L’AMORE


ad Arnoldo Foà, suo interprete


Non c’è più al mondo un posto per l’amore

ma buchi enormi, grandi topi grigi, topi

sul letto, topi sul guanciale. E Lei

col corpo nudo da tremare… Ecco che viene

Il piffero stregato dal suono atroce,

i topi si rintanano (sento il tuo corpo amico

così caldo e lo squittire dei rimorsi

è vano). Crollano muri e dentro è processione

di scarafaggi odiosi della luce

(vecchio decano delle fogne, giudice

eccolo pronto a morderci l’orecchio).

Spandi il veleno tutt’intorno al letto,

tieni lontano dal suo corpo dolce

l’immonda bestia senza pelo.

Vedi, nel buio risplende il mio seno,

già mi ha morso i capezzoli, ho terrore

che in ventre attecchi lo spregiato seme.

Dappertutto c’è polvere, la tela del ragno

impenetrabile ci segue. Trova nel mondo

un posto per l’amore, non in archivi

tra le belle storie. Poi scrivi un canto

dove sono bruna con vivi, caldi riccioli

d’estate, trattieni il tempo che sopra

ci sputa. Forse c’è un posto, la speranza

ammicca fuori dal buio per un’ora, un giorno.

Già l’inverno trascorre con la vita.






Da “Incendio e fuga” (febbraio 2000)

AVE MARIA

alla Madre di frate Mike Peirano


Ave, Maria nella spuma del mare che inghirlanda

le nubi,

tra gli uccelli nel preludio che annuncia

il temporale, nel ridere, nel piangere, danzare.

Ave, Maria

che gioia te laudare, sentirti ovunque

bellezza si eterna (le palme in alto ad indicare

il cielo, le palme a terra ad ascoltare i passi

del Figlio-amante che cavalca il tempo).


Ave, Maria

nell’attesa di amare con le piume dell’angelo

a contare (“M’ama, non m’ama…”), Dio che sta

a guardare e ride l’aria, l’angelo s’impenna.

Ave, Maria

nel sogno d’esser madre a guardare

in cortile gli animali, a gridare felice: “E’ vita, è vita…”,

battendo i piedi sulle pietre sonanti.

Ave, Maria

ch’è madre, madre, madre e tutto La ricorda

ciò che nasce: i teneri animali e la terra e non c’è Dio

che non si senta Madre nell’atto di creare.


“O Figlio – chiede docile Maria – Dio nel mio

ventre e nel ventre di Dio non sono forse figlia?”


Maria che invecchia con il suo dolore, l’angelo

ha spine al posto delle piume… Maria - fachira sul letto

di chiodi sogna fluttuante d’avere una nube sotto

i piccoli piedi ed il serpente s’accascia calmo, svuotato

dal male.

Ave, Maria

trionfante sull’altare, unica chiave

d’accesso a tuo Figlio, mostraci il Figlio! Impara a camminare,

a braccia aperte e tiene l’equilibrio.

E’ già ragazzo, s’arrampica

agli alberi, è svelto e forte. Ne gode la Madre. Si è fatto uomo

tutto s’offre al mondo e non c’è madre a poterlo fermare.


La Madre ha il grembo vuoto del sepolcro, bocca d’attesa

per quell’altro nascere.



Maria Grazia Lenisa



Biografia:


Maria Grazia Lenisa è nata a Udine nel 1935, trasferitasi a Terni, vi ha passato gran parte della sua esistenza. Inizialmente ha aderito alla corrente antiermetica del Realismo Lirico. Le sue produzioni di poesia, hanno attirato l’attenzione di valenti critici quali A. Capasso, F. Flora, F. Palazzi, F. Pedrina ed E. Allodoli. Del 1955 è l’edizione de Il tempo muore con noi, successivamente seguita da libri come L’uccello nell’inverno e il brindisino I credenti. Gli anni settanta l’hanno condotta ad una revisione delle precedenti posizioni di poetica, sono nate così Terra violata e pura ed Erotica, libri che portano la Lenisa ad una svolta nel modo di intendere il ruolo della donna, in particolare, l’eros femminile, troppe volte misconosciuto, dalla società e dalla tradizione sessista. Del pari rivoluzionaria è l’opera successiva, L’ilarità di Apollo, caratterizzata da una ironia, disarmante e libera, su temi erotici ( non limitatamente sessuali) e più ampiamente di costume. Vi si adotta il verso fintamente narrativo ed è abbandonato il realismo lirico della giovinezza, per costituire una poetica metarealistica, incentrata sull’invenzione di un mondo, metaforico e pieno di stupore, regno della Poesia, liberata dalla servitù della vita.

Per la sua nuova impostazione, si sono rivelati determinanti il carteggio e l’amicizia con il critico-poeta G. Barberi Squarotti, prefatore di molte sue opere. La sua produzione è stata feconda, e consta di oltre venti libri. Molti sono antologizzati in Verso Bisanzio, ne ricordiamo, a titolo di esempio alcuni: La ragazza di Arthur ed altre poesie, L’acquario ardente, Laude dell’ identificazione con Maria, L’ agguato immortale, L’amoroso gaudio, Le Bonheur, La predilezione, L’ombelico d’oro, Incendio e fuga, La rosa indigesta., Amorose strategie e l’ultimo, ancora inedito, Il Canzoniere Unico.

Impegnata nella stesura di numerosi saggi di critica letteraria, Maria Grazia Lenisa si è dedicata a scrittori come: A. Capasso, G. Barberi Squarotti, A. Zanzotto, G. Ruggero, S. Spartà, V. Rossi, G. Mascioni, A. Coppola, M. Luzi, F. Delfi, A. Bonanno, A. Manuali e C. Calabrò. Ha pure incoraggiato molti giovani e seguito gli appassionati. Numerosi premi e riconoscimenti le sono stati attribuiti. E’ da segnalare, inoltre, un suo saggio di estetica comprensiva a carattere fenomenologico che riconsidera, sotto un’ottica polivalente, il ruolo dell’ispirazione, accedendo a contributi estetici diversi e innovativi. Il saggio in questione, elaborato insieme alla figlia e coautrice Francesca Alunni, ha come titolo: La dinamica del comprendere.

C’è poi la curiosità del romanzo, ancora inedito, La mela di coccio, unico esperimento per l’autrice. Nel novembre del 2003 è stata insignita del "Diploma honoris causa" dall'Istituto di Cultura Superiore del Mediterraneo di Palermo e Monreale. Ha curato, dalla fine degli anni ’80, la collana del Capricorno per la Casa Editrice Bastogi, svolgendovi un’intensa attività di consulenza e studio. La sua figura poetica è inserita nella Storia della Civiltà Letteraria. (UTET). Il 28 aprile 2009 è deceduta dopo una lunga malattia.

lunedì 1 agosto 2011

Buone Vacanze










La Stanza di Nightingale chiude per tutto il mese di agosto per un pò di vacanza. Riaprirà in settembre. Auguro a tutti delle vacanze serene.
E non dimenticate di mettere in valigia un buon libro, se di poesia meglio ancora.
A presto!

Nightingale

mercoledì 27 luglio 2011

LA FATICA DEL METALLO di Fiorella D'Errico







Dobbiamo amare la vita
perchè non ha ragione
di dolersene
sebbene sia dolore

come quando si piega anche il metallo
prima del taglio alla metà, nel corpo

esso non sa
quale potenza spezza un'anima di ferro




Fiorella D'Errico da La fatica del metallo



§


Un canto sommesso di vita e respiro, un immortalare le cose,il corpo,la propria integrità in un marchio silenzioso; dignità e stupore nei brevi versi allargano lo sguardo su profonde ritmiche, scandendo le ore dell'esistenza e del riscatto. Nella fatica e nella forza, del metallo.
Ladies and Gentlemen, Fiorella D'Errico.

Nightingale














mercoledì 20 luglio 2011

MARIANGELA DE TOGNI












Mariangela De Togni scrive le sue poesie come trafitta da un velo di luce. Non vi sono ombre in questi versi di estrema delicatezza ma solo stupore e meraviglia. Nei suoi percorsi nella natura e nei luoghi che appaiono come mete assolate e magiche, si ritrovano i gesti dell'osservare incantati, assorti davanti alla Bellezza. La sua solitudine beata di occhiate intense ai particolari del mondo non sbiadisce e non s'appanna, arricchisce il lettore di quiete e agio, nel respirare il fiato del cuore amante della vita. Ama la vita Mariangela, e i suoi misteri, le sue ricerche mai affannate del buono che c'è in ognuno. Così, spaziando nel creato con vigile osservazione, la De Togni ci guida alla serena disposizione d'animo d'un giorno d'estate, dove luci e colori e suoni avvolgono e cullano. Una lettura molto piacevole, che lascia gioia e speranza nel cuore. Un libro che consiglio caldamente, una lettura docile e profonda sul senso della Natura e la sua Bellezza infinita, alla ricerca della pace interiore cui ciascuno anela. Un canto naturale, un sogno stretto fra le mani. Perchè il seme di magnolia faccia nascere gazzelle.

Federica Galetto





















DAGLI ANFRATTI DEL CUORE


Dagli anfratti del cuore

tutto fluiva nel vento

come un sospiro.

Nell’attesa che un sole bianco

d’impronte profonde

rubate alla notte,

scavasse pensieri,

all’ombra d’un salice

dalle chiome rarefatte dal gelo

simili ad arcate d’un monastero

medievale.


La salmodia

trasporta polline di cielo

nel chiostro capace di stupore.

Facendo risaltare

i marmi policromi

elusivi come un profumo

nel soffitto a volta

che pare lanciarsi nell’infinito.

Le stesse lontananze

di comete e siepi fiorite,

dei miei soli tramontati,

appaiono diverse

là dove le brune pareti d’argilla

palpitano

al colore della lampada

rosso rubino


Nascosto, un tordo intonò

il suo canto come un oceano

di onde raggelate

nell’immobilità.

Cristallo fuso nel liquido

silenzio della sera.





CROMATICO ASSOLO


Sfoglia a volte il mare

il silenzio . Come una farfalla

sul fiore m’indossa il colore

che perdura,

nell’impressione, come voce

d’un lontano richiamo

che inneggia l’oscurità

e fa d’un leggero lamento

di coro inascoltato,

un cromatico assolo,

nel tempo che scorre,

nel battito di un respiro.


Il colore sottilmente mutevole

del cielo d’autunno,

nella penombra della sera,

mentre spoglia il pensiero

col giallo del gelsomino invernale,

s’ammanta di sottili essenze

incorniciate dai ricordi.

Senza rompere l’incanto

della solitudine.

Suadente come il vento

del deserto

nel dilatarsi della notte.

Quasi un lembo di roccia

dove nascondere

il cuore.






LA GRATA



L’amore trapassa la grata

quando è vero.

Esse danno un limite

che separando

non dividono.

Ed è là il segno

dove mancano calcolo

e misura. Ed è risposta

al Tutto che scava dentro

un abisso di libertà.





ESTRATTI DAL CUORE


I pensieri oggi sono

grani estratti dal cuore.

Senza luogo né tempo.

Screziati di silenzio,

trasparenti come l’acqua,

fragili, tra increspature

sottili al centro dove

lo sguardo si frange

nel cerchio della ciotola

affogata di stelle

la notte.


E risorge l’eco nell’alba

appena verso il mare.

Verso la sete libera

dove, più estremo,

è il grido del sole.





QUESTO BAGAGLIO BREVE



A che tende

questo bagaglio breve

del cuore

nella notte sola

se in un giro d’albe

nel dipingersi del cielo

un fiore nel deserto,

piccola cenere di luce,

comparirà avvolto

di bellezza.


E’ immenso il mare.

Uno spazio diviso

dagli ulivi raccolti

in un pianto di rugiada.


E le stelle a ripetere

i profumi della notte

in cieli di velluto

come conchiglie di gioielli

piene di diamanti.


Ma a promettere la gioia,

a chi si lascia sconvolgere

dalla sua voce calda

di colore nell’ombra

della solitudine,

nell’ arco di un silenzio

che muta il volto

e l’essenza di ogni cosa,

è Colui che dorme

sul fondo della nostra barca,

ed è passato nei ripostigli

del nostro tempo.


Perché il seme di magnolia

faccia nascere gazzelle.





FU IL NIDO DEL PETTIROSSO



Fu il nido del pettirosso

a risvegliare il sole

sul candore nuziale

degli ulivi infreddoliti

dal vento che faceva

fremere l’alba.

Il mare tratteneva ombre

azzurrine

fra bagliori rosati

come nel compiersi

di una solenne liturgia.


Questo evento di stupore

che danza nell’anima,

è forse il volto di Dio,

la sua voce che salva?


Lembi di roccia ametista

sussurrano l’attesa

all’acero sull’angolo

della strada.


In un mormorio di sillabe.


Come una salmodia

impastata di sale.





SULLO STELO DEL VENTO


A volte,

quando la notte

si raccoglie sullo stelo

del vento,

un’onda di pensiero

mi sorprende,

nel silenzio,

come se la solitudine

fosse un sospiro

lungo

del cuore.

Perché freme, perché

vibra l’anima,

libellula abbacinata

dalla luce?


Intrisi di lontananza,

come scampoli

di sabbia bianca

dietro grigie mensole

di roccia,

indossiamo

l’umile saio che ci copre

la voce

nello stupore di tanta

beatitudine.





OGGI FINALMENTE


Oggi

nel silenzio profondo

che scava il cuore

come se da una roccia

fiorisse

la solitudine

finalmente

fiore.


Oggi

nel chiaro cielo

che si dipinge sul ciglio

del pensiero

finalmente

un piccolo cerchio

di luna

seguito da una stella

lucida d’oro.


Oggi

finalmente

sull’orizzonte appare

vestita di mare

la conca frantumata

della memoria

nello stupore profondo

di una foschia

leggera

come una trina.


Oggi

finalmente

il sole stringe gli ultimi

lembi di buio

la luce si fa azzurra

ei ciliegi in fiore

avvolti in una nuvola

di petali bianchi

sembrano seguire

le vie del vento

che soffia da oriente.


Oggi

finalmente

una conchiglia di vetro

e ardesia

fra le onde

trattiene la luce

come se il cuore

volesse perdersi nell’eco

lunga

di una lontananza

che regala

arcobaleni.






QUEL SAIO DI CIELO


Quel saio di cielo

a picco sul mare.

Quel tremito breve

di luna

sulle cose. Un’ombra

appena.

Su un ponte a navigare

con le stelle.






E ORA TU MI CHIAMI


Ritornando

da quel rifatto silenzio

un’ala bianca

solcò l’aurora in brividi

d’infinito.

E memorie

mi venivano incontro

con la voce del mare.

Passavano restavano indietro

a ridire salmodie inconsuete

nelle arcate di perla

delle conchiglie

glissando su tutte le corde

del cuore.


Il cielo intarsiato di lavanda

con ancora il profumo

della luna

scorreva le sue pagine

liquide di luce

sulla geometria dei pensieri.

Quali segreti nel lungo sospiro

del vento all’orizzonte?


E ora tu mi chiami

dal tempo che s’aggroviglia

come un ventaglio cromatico

sulle radici della vita.


Nell’umile bagaglio

dell’attesa.





NON SARO MAI SOLA


Non sarò mai sola

ad ascoltare il silenzio della notte,

né si perderanno i pensieri

sulla soglia del cuore

finché la luna sosterà

sull'arco dell'orizzonte.


Anche il sole ramato

che si specchia nell'ovale

di una pozzanghera

infreddolita dal gelo,

parla, oggi, nel tiglio

dalle foglie argentate di brina,

nel lungo sospiro solitario.

Nei passi ovattati dalla neve.


Non sarò mai sola

ad attendere l'aurora

con ancora le stelle

affisse al firmamento.

Finché sentirò il canto

dei canneti e nei cespugli

di rovi il pettirosso.

Lo scorrere del torrente

verso il mare.

E lo stupore dentro

la mia anima.




Mariangela De Togni, da “Fiori di Magnolia” Edizioni Helicon 2011

http://www.edizionihelicon.com/pagine/indice.asp?ind=360





Biografia:

Mariangela De Togni, nata a Savona, è suora Orsolina presso l’Istituto Maria Immacolata di Piacenza. Insegnante, musicista e studiosa di musica antica. E’ membro dell’Accademia universale “G.Marconi” di Roma. Ha pubblicato numerose raccolte di versi: Non seppellite le mie lacrime (Seledizioni, 1989), Nostalgia (Seledizioni,
1991), Una voce è il mio silenzio (Ibiskos Editrice, 1995), Chiostro dei nostri sospiri (Ibiskos Editrice 1997), Profumo di cedri (Ibiskos Editrice, 1998), Un saio lungo di sospiri (Ibiskos Editrice, 2000), Flauto di canna (Ibiskos Editrice, 2004), Nel sussurro del vento (silloge inserita in Quaderni di letteratura e arte Angeli e Poeti n.9 Guido Miano Editore 2005). Nel silenzio della memoria, silloge inserita nella mini-antologia Le Visioni del verso (Helicon Editrice 2008). A questo farà seguito Cristalli di mare (Ibiskos Editrice 2010). E’ presente nel Dizionario degli Autori Italiani del Secondo Novecento (Helicon 2002), nelle Storia della Letteratura Italiana Contemporanea (Helicon Editrice), nella Storia della Letteratura Italiana(Guido Miano Editore 2005), nel Nuovo Dizionario della letteratura Italiana (Helicon Editrice 2010), in agende e antologie di poesia contemporanea. Suoi testi poetici sono pubblicati su diverse riviste. Ha ottenuto numerosi premi e segnalazioni di merito in concorsi letterari. Tra i più recenti: “Le Stelle” (Savona), “Abbazia
del Cerreto” (Lodi), “Borgo Ligure” (La Spezia), “Premio alla Carriera” (Santuario Madonna di Gaggio), “Val di Magra – Roberto Micheloni” (la Spezia). “Borgo Ligure” (Santa Margherita Ligure),“Città di Salò” (Salò) “Portus Lunae” (Sestri Levante).
Inserita in “Lettera in versi”, rivista on-line di Bombacarta a cura di Rosa Elisa Giangoia e Margherita Faustini. Scrive nel sito di Poeti e poesia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...