Traducendo Einsamkeit

STANZE DEL NORD

SCORRONO LE COSE CONTROVENTO di FEDERICA GALETTO

ODE FROM A NIGHTINGALE - ENGLISH POEMS

A LULLABYE ON MY SHOULDER di Federica Nightingale

EMILY DICKINSON

lunedì 11 gennaio 2010

JULIA MARGARET CAMERON

















































Julia Margaret Cameron (1815-1879), fotografa vittoriana, forse la prima in assoluto, nacque a Calcutta e visse in Inghilterra dove sviluppò le sue straordinarie potenzialità espressive di fotografa. A quei tempi, la sua arte veniva considerata tecnicamente insufficiente e snobbata dal maschilismo imperante dell’epoca. I suoi ritratti femminili raccontano la sua anima e la sua sensibilità artistica la sua immaginazione,la sua visione della donna e del mondo. Le sue fotografie sono poesie, sono altari di bellezza e istinto estetico e creativo, introducono la poesia “visiva”, legandola al movimento pre-raffaelita e unendola alla sperimentazione di una personalissima tecnica fotografica di chiaro-scuro e sfocato.


La Cameron aveva un’energia potente,capace di travolgere anche chi, nel vederla di persona, la considerava di primo acchito una donna certo non bella e anche apparentemente dall’aspetto depresso e insignificante. Alcune sue modelle la ricordarono spesso autoritaria e determinata nel lavoro, con addosso il grembiulone sporco di acidi e con dentro un fervore immaginifico e passionale immenso. Autodidatta, allestì personalmente camera oscura,studio e attrezzatura fotografica che migliorò e implementò nel corso degli anni di lavoro. Ve la propongo in alcuni suoi lavori, disarmanti nella loro Bellezza.
Per saperne di più vi rimando ai link































































































































































































































Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...