Traducendo Einsamkeit

STANZE DEL NORD

SCORRONO LE COSE CONTROVENTO di FEDERICA GALETTO

ODE FROM A NIGHTINGALE - ENGLISH POEMS

A LULLABYE ON MY SHOULDER di Federica Nightingale

EMILY DICKINSON

lunedì 8 febbraio 2010

ANNAMARIA FERRAMOSCA













Ancora siano i segni / May the signs continue
da OTHER SIGNS, OTHER CIRCLES di Annamaria Ferramosca
Chelsea Editions, N. Y. , 2009
series Contemporary Italian Poets in Translation
traduzione di Anamaría Crowe Serrano





ANNAMARIA FERRAMOSCA

da Curve di livello - collana Elleffe, Marsilio,2006



Ancora siano i segni



Ancora siano i segni sulle rocce

a dischiudere il tempo

profili di guerrieri e bisonti

in corsa, sotto un piccolo sole

in forma di stella


ansanti

per chilometri brillanti di pioggia

profili di automobilisti e tir

sommersi da onde radio


vibra

un dolmen poco lontano

con forza immobile

convoca mani e rami

Tre pietre

- minima famiglia sfuggita al diluvio -

in silenzio guardarle nella notte

accostando l’orecchio al tronco dell’ulivo

sentirsi roccia linfa voce

arca approdata e fusa in terra


Ancora siano i segni sulle pagine

a traghettare il tempo: lontanissimi

lembi di cielo pulsanti sulle onde

inondano lo schermo, si raggiungono


Dammi parole dunque, e segni

piangi sulla mia spalla, o ridi

offrimi le scene della gioia

incontrami


prima che si diradi la foresta

prima che accada il nero errore

prima dell’ultima risata

( la ruota della terra

è il suo continuo ridere, convulso )






MAY THE SIGNS CONTINUE



May the signs on the rocks

continue to unveil time

the profiles of warriors and bison

are running under a tiny sun

the shape of a star


panting

for rain-dazzled kilometres

the profiles of drivers and trucks

submerged in radio waves


not far away

a dolmen vibrates

with stillness of strength

calling for hands and branches

Three stones

- the smallest family saved from the flood -

you could watch them in silence at night

with your ear against the olive tree trunk

feel you are rock lymph voice

the ark docked and fused to the ground


May the signs on the pages

continue to ferry time: far away

strips of sky beating on the waves

flood the screen, join together


Give me words, so, and signs

cry on my shoulder, or laugh

offer me joyful scenes

find me


before the forest is thinned out

before the darkness of error falls

before the last laugh

(the earth’s rotation

is its own continuous laugh, cracking up)



traduzione di Anamaria Crowe Serrano
(il libro è disponibile su www.amazon.com)


http://annamaria.ferramosca.literary.it

i libri di annamaria ferramosca su:
www.amazon.com
www.ibs.it


















Biografia:



Annamaria Ferramosca, di origine salentina, vive e lavora a Roma.

Ha pubblicato in poesia:
Other Signs Other Circles , raccolta antologica di poesie 1990-2009
Chelsea Editions, New York, series Contemporary Italian Poets in Transalation, 2009, introduzione e traduzione di Anamaria Crowe Serrano;
Il versante vero, Fermenti, 1999, premio Opera Prima Contini-Bonacossi
Porte di terra dormo, Dialogo Libri, 2001;
Porte / Doors, Edizioni del Leone, 2002, traduzione inglese di Anamaría Crowe Serrano e
Riccardo Duranti, Premio Int.le Forum;
Paso Doble, Empiria, 2006, raccolta di “dual poems”, coautrice Anamaría Crowe
Serrano, traduzione inglese di Riccardo Duranti;
Curve di livello, Marsilio, 2006, Premio Astrolabio, finalista ai Premi Camaiore, Lerici Pea,
Pascoli, San Fele, Montano.
Testi ed interventi critici sulla sua scrittura sono apparsi su numerose riviste, tra cui
Poesia, Hebenon, La Mosca di Milano, La Clessidra, L’immaginazione, Le voci della Luna,
Poiesis, Il Fiacre, Noi donne, Freeverse, ed antologie, come "L'altro Novecento", 1999, "Appunti
critici", 2002, "Poeti italiani verso il nuovo millennio", 2002, “Inverse”, 2006, “ Tradizione e ricerca
nella poesia contemporanea”, 2008.
Collabora con testi e note critiche a varie riviste, anche in rete.

Fa parte della redazione di clepsydraedizioni.com che seleziona in anonimo e promuove in e-book nuova poesia italiana contemporanea.

Ha lanciato in rete l’idea di una poesia da selezionarsi in anonimo, con voto telematico aperto a tutti. Suoi testi ed interventi critici sulla sua scrittura sono apparsi su numerose antologie e riviste, tra cui “Poesia”, “La Mosca di Milano”, “La Clessidra”, “L’immaginazione”, “Le voci della Luna”, “Hebenon”,

Suoi testi e note critiche appaiono on line su numerosi siti.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...