Traducendo Einsamkeit

STANZE DEL NORD

SCORRONO LE COSE CONTROVENTO di FEDERICA GALETTO

ODE FROM A NIGHTINGALE - ENGLISH POEMS

A LULLABYE ON MY SHOULDER di Federica Nightingale

EMILY DICKINSON

sabato 13 febbraio 2010

AVEVO CHIESTO A DIO

Arthur Hacker







Avevo chiesto a Dio di rimanere in ascolto/né pane/né acqua/ né sogni/un frullare distinto d’ali fra i rami/un volo di sapienza sui dossi/le cartilagini trapassate degli uccelli/solo orecchie sante d’amore/opportune casse armoniche nei cilindri di ghiaccio appesi/ai viali di discordie e sopraffazioni che sfociano in ventri/ aridi e bugie/perché non sei rimasto in ascolto Dio/non volevo che acquiescenza sul male/un getto di pace nel buio/ossia speranza intricata e ferma/se resina sui capelli e fango/mi rilasciano un sordido effetto/ questo silenzio restìo/ai sussurri della dolcezza/dove gli inganni mordono il collo/le mani tremano sulle lacrime discese/avevo chiesto a Dio di rimanere in ascolto/se mai le parole giungono/se poesia che vive trasmuta/l’esistenza in questa mi salvi/nei suoi occhi

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...